Per un civile Canto ( da G. F. Pollutri)

stella in-ondata su rena di mare-a

 

 

 

 

 

 

Vasto, di civiltà un Canto

Stamane ho bisogno di poesia,
ho necessità di dire con essa la mia.

La città ha bisogno di letteratura
che sia civile: che affermi per la gente
quel che ciascuno di noi ha in cuore,

che condivida con essa un’anima
sola, il respiro d’una Comunità viva.

Oggi e per domani ho bisogno di chi
storia e politica faccia sua, in opere.

Un uomo chiediamo, che intelletto ha
e cuore di darci risposte, d’accendere
fra le case e sulla riva nuova la voglia
di riprendere fiduciosi la via e il remo,

di promuovere oggi di Vasto il destino.

GFP, nel 13 di marzo anno 2016

Orizzonte-abitato del Vasto (gfp)_500pxl