Le depenalizzazioni di Renzi

RENZI LO SVEGLIOUna raffica di depenalizzazioni che sia giunge alla precedente ondata altrettanto oltraggiosa per gli italiani soprattutto per lo scopo che si prefiggevano. Sarà stato il complesso di colpa che, lui inconsapevole forse, ogni tanto emerge ma sta di fatto che depenalizza diversi reati trasformandoli in illeciti amministrativi per i quali si dovranno salate e salatissime multe. Certo è che chi non ha i soldi per pagarsi l’assicurazione per l’auto, difficilmente potrà pagare una salatissima multa per guida senza patente o senza bollo assicurativo: che gli fai se non può pagare, soprattutto se disoccupato che magari si arrangia a fare un lavoretto saltuario ogni tanto? Questo non è ancora dato di saperlo. Questi reati sono normati da un criterio, quello della “tenuità del fatto” deciso da un giudice: in pratica il giudice decide se l’ingiuria, il furto ai tuoi danni sono lievi o meno: se lievi oltre al danno la beffa se il giudice è di vena buona quel giorno! Tutti reati per i quali “prima” si potevano rischiare fino a cinque anni di carcere. E tutto ciò per diminuire in l carico di lavoro dei giudici! Questo governo di incapaci, invece di affrontare la riforma della giustizia e del processo nei suoi vari gradi, affida all’umore di un giudice se il reato è “tenue” o meno. Intanto qui di seguito l’elenco dei reati “depenalizzati” suddiviso tra il 2015 ed il 2016.

I reati compresi nella norma del 2015 sono: Esercizio abusivo della professione, Abuso d’ufficio, Accesso a sistema informatico, Appropriazione indebita, Arresto illegale, Attentati alla sicurezza dei trasporti, Atti osceni, Commercio di sostanze alimentari nocive, Danneggiamento, Detenzione di materiale pedopornografico, Diffamazione, Frode informatica, Furto semplice, Gioco d’azzardo, Guida in stato d’ebbrezza o sotto l’effetto di droga, Indebita percezione di contributi dello Stato, Ingiuria, Interruzione di pubblico servizio, Istigazione a delinquere, Lesioni colpose, Millantato credito, Minaccia, Oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale, Omissione di soccorso, Rissa, Simulazione di reato, Sostituzione di persona, Truffa, Turbata libertà degli incanti, Violazione di domicilio, Violenza privata.

I reati compresi nel 2016 (finora!) sono
Falsità in scrittura privata. Falsità in foglio firmato in bianco su Atto privato.  Soppressione, distruzione e occultamento di scritture private vere. Atti osceni. Pubblicazioni e spettacoli osceni. Ingiuria. Sottrazione di cose comuni. Danneggiamento semplice. Appropriazione di cose smarrite, del tesoro o di cose avute per errore o caso fortuito. Rifiuto di prestare la propria opera in occasione di un tumulto. Abuso della credulità popolare. Rappresentazioni teatrali o cinematografiche abusive. Atti contrari alla pubblica decenza. Turpiloquio. Mancato rispetto dell’autorizzazione alla coltivazione di stupefacenti per uso terapeutico. Omesso versamento delle ritenute previdenziali e assistenziali. Guida senza patente. Omessa identificazione. Omessa registrazione. Impedito controllo ai revisori. Omessa trasmissione dell’elenco dei protesti cambiari da parte del pubblico ufficiale. Emissione di assegno da parte dell’Istituto non autorizzato o con autorizzazione revocata. Interruzione volontaria della propria gravidanza senza l’osservanza delle modalità indicate dalla legge. Violazione delle norme per l’impianto e l’uso di apparecchi radioelettrici privati. Abusiva concessione in noleggio. Omissione di denuncia di beni. Alterazione del contrassegno di macchine. Installazione o esercizio di impianti. Contrabbando nel movimento delle merci attraverso i confini di terra e gli spazi doganali. Contrabbando nel movimento delle merci nei laghi di confine. Contrabbando nel movimento marittimo delle merci. Contrabbando nel movimento delle merci per via aerea. Contrabbando nelle zone extra-doganali. Contrabbando per indebito uso di merci importate con agevolazioni doganali. Contrabbando nei depositi doganali. Contrabbando nel cabotaggio e nella circolazione. Contrabbando nell’esportazione di merci ammesse a restituzione di diritti Contrabbando nell’importazione od esportazione temporanea.

Manca solo la depenalizzazione di esercizio abusivo di Capo del Governo, mai eletto, mai votato e nominato da un presidente abusivo anche lui: il tutto in permanente violazione di quanto stabilito dalla Corte Costituzionale che se non fa rispettare le proprie decisioni è assolutamente inutile che continui ad esistere.

Elio Bitritto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: