San Rocco ritorna, per i bambini di oggi e di ieri. Tradizione e novità

 

 

San Rocco (1346 – 1379), antesignano di tutti i turisti, nei suoi spostamenti era accompagnato dal tintinnio di una campana, posta sul suo bastone.

 delle campanelle_Creta Rossa Vasto-b

A giorni ritorna “San Rocco” (popolare figura di santo viandante e pellegrino), e nel suo nome la tradizionale festa delle “campanelle”, in piazza e nelle strade.
Ancora una volta, sin dal primo mattino e da qualche anno fino a sera, intorno e fra i banchi degli espositori di varia provenienza, ci sarà folla incuriosita, ciarliera e festante. Ciascuno la sua, tintinnante con suono diverso, fra le mani non solo dei bimbi di oggi ma anche di quelli di ieri, che, adulti, prolungano il piacere della propria infanzia collezionando nuovi e talora sorprendenti esemplari del giocoso e ‘mitico’ oggetto. Campanelle vere e proprie in semplice cotto decorato ancora con motivi semplici e colori pennellati a freddo, o in ceramica (vetro o altro materiale), talvolta particolarmente raffinate e caratterizzate da forme nuove, sorprendenti o curiose, illustrative finanche (non sempre appropriatamente) di temi o personaggi d’attualità. Si direbbe un “…purchè la festa (il legame con il tempo e le generazioni passate) continui”,  abbia cioè la sua ideale e materiale tradizione nel tempo.

San Rocco: lo scendere in strada, l’incontrarsi nella piazza maggiore del luogo, o nei vicoli più o meno lì accanto, con semplicità e spensieratezza. Un’occasione ludica e dunque gioiosa per i bambini, fieri di scegliere e di portar via la propria, quanto e non meno una chiara occasione sociale e urbana, non “di massa”, ma per una motivazione e un senso ben preciso, un stimolo, una memoria… Legami, valori e usanze che “sanno di buono”, si direbbe come il pane”. (gfp)


***
Da qualche anno, nella nostra città, con una interessante produzione ceramica, artistica o di semplice e comunque decoroso artigianato locale, non solo si ha modo di competere con successo con i laboratori ‘forestieri’ presenti alla Festa o Sagra, ma – al semplice piacere di scegliere ed acquistare ciò che è sui banchi già confezionato nella sua forma e decoro – si unisce la possibilità data ai bambini di costruirsi, o quantomeno di ‘pitturarsi’, in una manifestazione insieme giocosa e didattica, la propria campanella-ricordo dell’anno.

campanelle-con CretaRossa

campanelle-(22)a._da histonium-net
Questo avverrà ancora quest’anno ad opera di una iniziativa ideata e promossa, dal 2012, da “Creta Rossa”, in collaborazione con l’amministrazione comunale.

SCAMPANELLANDO A SAN ROCCO – leggiamo in un post diffuso in questi giorni dal Laboratorio promotore dell’iniziativa –  è “un progetto dedicato a tutti i bambini dai 6 anni su che avranno il piacere di realizzare la propria campanella e avvicinarsi in maniera ludica alla storia della sagra che si svolge da molti anni nel centro storico di Vasto”.
La partecipazione all’evento è gratuita e le attività inizieranno alle 21.00 del 16 agosto, presso gli ex palazzi scolastici di Corso Italia.”

Maggiori info e dettagli orgasnizzativi possono essere reperiti sul sito web del Laboratorio www.cretarossa.it, o richieste direttamente chiamando il nr telefonico: 0873/58492.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: