Meteo business

imagesNon pago delle continue stupidaggini fatte negli anni scorsi, il presidente Obama ha  annunciato un piano per contrastare il cambiamento climatico: verrebbe da dire che vuole provare a prosciugare il mare con un secchiello o per dirla alla primo della classe, “lavare un etiope” (antico detto greco, noto anche come “sbiancare un etiope”, che indica l’immutabilità delle condizioni naturali).  Il Piano prevede una serie di norme e di regolamenti volti a limitare le emissioni di anidride carbonica delle centrali (che secondo la pseudo-scienza causano il riscaldamento globale, ndr). Secondo Obama il “cambiamento climatico  (in realtà il riscaldamento globale) minaccia l’economia e quindi il benessere degli Stati Uniti. La convinzione nasce dal fatto che le centrali elettriche  producono un gas “inquinante”, l’anidride carbonica. In realtà la CO2 non è un gas inquinante e possiamo aggiungere che senza essa non ci sarebbe vita sulla Terra; il suo aumento provoca un incremento dell’effetto serra e quindi innalzamento delle temperature che a sua volta genera diverse conseguenze. Alcuni effetti possono essere anche benefici, quali quelli sull’agricoltura alle latitudini più elevate, e miglioramento  del ciclo vegetativo in alcune circostanze. Aggiungiamo che,  vista la diminuzione delle macchie solari, si prevede una mini era glaciale che l’aumentato effetto serra,  contribuirà a contrastare. Uno studio dell’Istituto Met Office indica che la diminuita attività solare porterà al ripetersi ei un periodo conosciuto come “minimo di Maunder (tra il 1645 e il 1715) con grandi abbassamenti di temperatura. In conclusione, alla luce del fatto certo della diminuzione della attività solare e del fatto altrettanto certo che la CO2 non è un inquinante e comunque contrasterebbe la mini glaciazione, si deve fare riferimento al costo che la prospettata proposta di Obama avrebbe sulla economia globale: qualcosa come 80.000 miliardi di dollari  cioè un prelievo dell’8%  sui 70.000 miliardi di dollari che rappresentano il PIL globale attuale del mondo intero per almeno quindici anni. Il business del millennio!

Elio Bitritto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: