Bruxelles: burocrati corrotti, ladri, pornografi …

europaUn portavoce della Commissione Europea ha affermato: “La Commissione è una della istituzioni più trasparenti per quanto riguarda le questioni relative al suo personale. Ha un approccio equo, imparziale ed efficace verso le questioni disciplinari e non esita a imporre gravi sanzioni quanto trova evidenza di illeciti, incluse retrocessioni e licenziamenti“.Ovviamente, mentiva: mentiva secondo il Telegraph, quotidiano britannico, perché i “burocrati di Bruxelles sono corrotti ladri, molestatori sessuali e pornografi”.Il Telegraph pubblica un articolo-inchiesta che fa luce sui comportamenti di alcuni burocrati, alti funzionari di Bruxelles che hanno “gonfiato la nota spese, molestato sessualmente le colleghe e guardato centinaia di ore di pornografia in ufficio e ciononostante mantengono il loro posto di lavoro. Dentro agli edifici luccicanti che costeggiano Rue de la Loi a Bruxelles, i comportamenti indecorosi vengono spesso puniti con poco più che una bacchettata sulle dita”. Il fatto è che spesso questi funzionari non hanno nulla da fare e si annoiano, pur percependo compensi più che generosi: ed allora si distraggono con le funzionarie, con i siti porno, con qualche appalto da assegnare a parenti o amici …! La notizia ha suscitato molto scalpore: Peter Bone, parlamentare conservatore di Wellingborough, dice: “Sembra che i burocrati dell’UE vivano in mondo separato, con regole proprie, totalmente diverso da quello dei normali governi. Se queste cose fossero state fatte da dei pubblici ufficiali britannici, sarebbero stati licenziati. Questi fatti dimostrano che l’UE non è nell’interesse dei cittadini europei, ma nell’interesse dell’élite di Bruxelles“. La notizia è tale per i britannici: per noi italiani … no!

Elio Bitritto

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: