Nigel Farage

Su FB sono incappato nel filmato relativo all’intervento di Nigel Farage al Parlamento europeo: intervento che ho trascritto integralmente dal testo sottolineato ma tradotto, in qualche parte, in maniera approssimativa dall’interprete.

nigel farageBene, noi siamo qui sulla soglia di un disastro finanziario e sociale, e in questa stanza, oggi, abbiamo i 4 uomini che si suppone siano i responsabili: abbiamo ascoltato i più noiosi e tecnocratici discorsi che io abbia mai sentito: voi siete tutti nella negazione: in tutta obbiettività, l’euro è un fallimento e chi è in realtà il responsabile tra voi, chi è in carica, evidentemente la risposta è nessuno di voi perché nessuno di voi è stato eletto, nessuno di voi ha alcuna legittimità democratica per il ruolo che ricopre in questa crisi e in questo vuoto, anche se a malincuore (intanto Shultz si agitava sulla sua sedia, ghignando o soffrendo per le emorroidi!) è intervenuta Angela Merkel ed ora noi stiamo vivendo in un’Europa dominata dalla Germania: qualcosa che il progetto europeo si pensava, in realtà, dovesse fermare, qualcosa che, chi ci ha preceduto, ha pagato con un alto prezzo in sangue affinché fosse evitato. Io non voglio vivere in un’Europa dominata dalla Germania e nemmeno i cittadini europei: ma voi avete avuto un ruolo: perché quando mister Papandreu ha usato la parola “referendum” Mr Rehn, lei lo ha definito “un abuso di fiducia”? E i suoi amici qui si sono riuniti come un gruppo di iene, rimosso e rimpiazzato da un governo fantoccio! che spettacolo disgustoso è stato (intanto Herr Shultz continua a sogghignare e ad agitarsi sul suo scranno). E non soddisfatti di questo, avete deciso che Berlusconi doveva andarsene così é stato cacciato e rimpiazzato da Mr Monti,  un ex commissario europeo, un architetto di questo disastro europeo e un uomo che non era neanche membro del Parlamento. Sta diventando come un romanzo di Agata Christie dove cerchiamo di stabilire chi sarà la prossima persona ad essere liquidata. La differenza è che noi sappiamo chi sono i furfanti. Voi dovreste essere i responsabili per ciò che avete fatto, voi dovreste essere tutti licenziati e devo dire, Mr Van Rompuy,  diciotto mesi fa, quando ci siamo incontrati  per la prima volta mi ero sbagliato su di lei: ho detto che sarebbe stato un assassino silenzioso della democrazia degli stati, ma non è più il caso: lei è piuttosto rumoroso riguardo a questo. Lei è un uomo non eletto: è andato in Italia e ha detto: “Questo non  è il momento delle elezioni, ma il momento delle azioni”. Cosa, in nome di Dio, le dà il diritto di dire questo al popolo italiano?

Credo che ogni commento sia inutile: ormai da più parti viene confermato il ruolo di “supplenza” (per non usare termini più consoni ma suscettibili di attenzione da parte del potere) dell’UE, in particolare  della Merkel e dei suoi servi furbi, nel governo dell’Italia grazie all’acquiescenza di chi avrebbe dovuto difendere la democrazia in Italia.

Elio Bitritto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: