Trabocchi nostri

trabocco-a-vasto-WzoomCi siamo di recente soffermati, sia pure per recensire e mostrare souvenir (manufatti per la memoria), sulle caratteristiche storiche, ambientali e strutturali dei Trabocchi della nostra costa, che dalla loro presenza prende nome in termini di richiamo non solo turistico, ma geo-antropico in generale.
In questi stessi giorni, alla “Torre Diomede del Moro” di Vasto, ho potuto conoscere la corregionale Vittorina Castellano. Del suo dire, con adeguata verve e  in versi, di questi antichi “marchingegni della pesca”, mi piace qui proporne la suggestività con la pubblicazione di due sue composizioni in dialetto sul tema.  Coloristici e accattivanti quadretti che ben illustrano il rapporto passato e presente, mnemoico e affettivo, della nostra gente con il suo ambiente di vita quotidiana.

marina-a-Vasto2-Wzgraf

I.

La coste di li travucche

Nu specchje di mare turchine
tra ddu lengue di terre rocciose,
arrete li culline pare nu ciardine
è nu trijomfe di ginestre e di rose!
E’ nu paesagge incantate,
na meravije di lu create!
L’onde va e ve’ ’mbacce a li scoje,
e a chi li filari di tronchi senza foje,
che spuntene dall’acque gne na palafitte
che grazie a n’intrecce di pali stanne ritte!
A guardà llà machine da pesche,
s’armane di stucche
quande arsaje nghe lu pesce fresche,
li tineme sole nu’ li travocche!

II.

La còste de li travocche

Che strana cumbinazziòne, šta mmatine,
mentre ‘rvuscecheje dentr’ a nu cassette
sò retruvàte, de bbòtte, na bella cartuline
“Che meravéjje,
šta còste!“ sùbbete sò dètte.

Li travocche ‘n mezz’ a nu mare turchine,
zitte, zitte, so’ ‘remà
šte a rimirà tutt’ncantate,
arrète la culline, ammantàte, pareve nu ciardine.
Di colpe na bbott’a lu c
óre m’ha tuccàte!

La còste e li travocche cantàte da lu Vate,
cuperte de rose e de gginèstre, nu paradise,
pare che vann’ncontre a nu distine ‘ngràte!

Quelle che fin’a mò ere de l’Abbruzze l’orgoje
cagne scenarie, môre, te mozze lu surrise.
Piagne li habbiane nche le scenne  zézze di petroje!

Vittorina Castellano

 

costa-e-trabocco3-WzLinkNell’occasione, non per autocitazione, quanto per ampliare appena un po’ (chè la letteratiura al riguardo è ampia e varia) l’illustrazione dell’argomento, mi permetto di riportare anche due mie brevi composizioni. Meno folcloriche e impegnate, più liriche: un rapporto più intimistico e personale con i detti ‘marchingegni’ di terra e di mare. Presenza direi ineliminabile del nostro itinenario di costa e di vita.

I.

al trabocco della Penna

dolce e tranquilla
quella brezza leggera

di sera

sui massi del porto
al trabocco della Penna
aspettando
la notte
e lieve il sonno

fra le braccia di lei,
nel nome santo di Dio.

II.

Qui attendo

Nella calda luce della sera
al fresco alitare del mare
qui attendo.

Cigolìi di logori legnami e stillanti corde
mi daranno in dono
danzanti pesci di duro cavernoso scoglio,

e motivo che valga  ancora
                                     il cammino  pel ritorno.

Giuseppe Franco Pollutri

Le immagini riportate sono dell’artista vastese-siracusano
Gianfranco Bevilacqua.