Cosa avranno da spiare?

spiare-id10093Tutt’Europa sotto ascolto, anzi tutto il mondo, quello che CONTA! Poffarbacco c’è anche l’Italia! Certo le telefonate intercettate non sono neanche lontanamente paragonabili a quelle intercettate dai nostri magistrati, anche perché, sembra, non riguardino le attività sessuali degli italiani ma sono indirizzate prevalentemente verso terroristi o presunti tali. Pensate che solo l’Afghanistan ha subito qualcosa come 21,98 miliardi di intercettazioni e 12, 76 miliardi il Pakistan: seguono l’Iraq e l’Arabia Saudita con 7,8, l’India con 6,28, gli stessi Stati Uniti con 3 miliardi, l’Egitto con 1,9, l’Iran con 1,73 e la Giordania con 1,6 . Distanti i Paesi europei: la classifica è guidata da Germania con 361 milioni , Francia 70,2 milioni, Spagna 61 milioni, Italia 46 milioni, Olanda 1,8 milioni. In pratica una figuraccia per l’Italia risultata così poco interessante da registrare il penultimo posto. Certo la NSA potrebbe integrare i dati con quelli ricavati da certa magistratura italiana ma la notizia viene smentita dallo stesso Obama che ha dichiarato non essere interessato alle vicende personali di Berlusconi. E d’altra parte cosa potrebbero voler sapere gli americani dalle alte sfere italiane? Ormai ci siamo venduti quasi tutto, le decisioni le prendono i tedeschi, l’ENI (in attivo e strategica) viene offerta al miglior offerente e ci teniamo caserme ed enti non solo inutili ma altamente passivi! Ma poi una questione di fondo: ma non s’è sempre detto, da una certa parte, che le intercettazioni sono necessarie e, se nessuno ha qualcosa da nascondere, perché preoccuparsi?

Elio Bitritto