Vasto. Polizia Urbana. Dove sei?

polizia_localeE così siamo giunti alla ormai stantia ripetizione di un canovaccio già visto che dà un doppio colpo alla purtroppo sbiadita immagine di Vasto “città d’arte, cultura e turismo” rigorosamente in minuscolo, magari in corpo 5. La rottura delle trattative tra l’amministrazione comunale ed il corpo di polizia urbana in relazione alla presenza di questa in ore notturne indica, una volta di più, la totale, certificata incapacità di questa amministrazione, a tutti i livelli, di operare correttamente nei diversi ambiti di competenza. Segna un ulteriore calo di rappresentatività di Vasto tra le città a vocazione turistica e balneare per  servizi scadenti che vengono fronteggiati, a volte vanamente, dagli operatori turistici. Segna il ricatto che la città subisce sia per la già sottolineata incapacità degli amministratori, sia per la protervia di un corpo “militarizzato” che ritiene di poter lasciare la città di notte, in occasioni di particolari assembramenti, in balia di qualche sconsiderato e, soprattutto, scaricando sugli altri corpi di polizia, l’intero peso del controllo del territorio. Non so se un “ordine di servizio” potrebbe sortire l’effetto giusto, non so se si tratta di una semplice questione di soldi, non so se nella normativa è specificato che si tratterebbe di un servizio effettuato su base volontaria, non so se è perché son tutti tenenti, sta di fatto che il corpo di polizia urbana sta facendo non solo “incazzare” i commercianti e gli operatori turistici, ma anche tutti i cittadini: soprattutto il corpo sta facendo una figuraccia!