Gocce di saggezza del 3 giugno

La vita in universi paralleli.

La vita ci scorre dentro in una corrente ininterrotta di momenti. Poi, ad un certo punto, si spegnerà per ognuno di noi la luce umana e ritorneremo ad essere parte della materia oscura del cosmo.O forse no, ci ricomporremo in altra forma sotto altra luce su un pianeta a noi sconosciuto con tempi diversi da quelli terrestri in un universo parallelo.(26 maggio)

***

La vita radiosa di un ‘ ti voglio bene’.

Come appare radiosa, all’improvviso, la vita, anche in una grigia giornata mentre la pioggia scroscia sul vetro della finestra, se ricevi di primo mattino un messaggio che ti dice “ ti voglio bene’. La persona che credevi di aver perduto per sempre e che stava sbiadendo nel pensiero ti si ripropone prepotente nella coscienza e I momenti di tenerezza e di felicità trascorsi insieme si snocciolano come un rosario nella mente. E torna momentaneamente la felicità ed hai un’insopprimibile voglia di uscire, di farti bagnare da uno scroscio, di sorridere ad un passante, di abbracciare un albero, di odorare la corolla di un fiore, di accarezzare un cane randagio, di tornare a VIVERE. (26maggio)

***
La spirale di Fibonacci
La persona che viene di solito, per mancanza di un termine piu’ preciso, definita artista cerca convergenze dove il comune dei mortali vede solo rette parallele. È ossessionata, come il matematico Fibonacci, dalla ricerca del punto fisso, dal centro della spirale verso cui tutto quello che esiste tende e converge e da cui tutto si sprigiona all’infinito. Solo chi riesce ad esprimere il rapporto ineliminabile, prepotente, che lega l’infinitamente piccolo all’infinitamente grande delle spirali che governano l’inesplicabile logica del cosmo, ha l’illusione di lasciare una traccia duratura che si chiama ARTE, del suo breve viaggio di essere umano. (26 maggio)

***

Un errore da evitare ad ogni costo: fare di una piccola disputa la causa della perdita di una vera amicizia e della distruzione di un grande amore.

***

Amore e cenere,
Tanti scelgono di restare insieme per orgoglio, perché schavi delle convenzioni sociali. Tanti altri, tradizionalmente piu’ le donne che gli uomini, rimangono insieme per calcolo economico, per puro interesse. Sono mosche bianche le coppie che sono insieme per AMORE, se per amore si intende non la dimensione incommensurabile dell’anima, ma il piacere concreto che dà il corpo. Dopo alcuni mesi di fiamme e di carboni accesi, l’attrazione fisica si affievolisce,si estinguee e diventa cenere. La stragrande maggioranza delle coppie vive avvolta per anni nella cenere. (1 giugno)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: